best practice scheda prodotto

Best Practice per la scrittura di una scheda prodotto

Nell’e-commerce contemporaneo, dove la concorrenza è spietata e gli acquirenti sono sempre più esigenti, la scrittura di schede prodotto efficaci è diventata una delle sfide principali per i rivenditori online. La scheda prodotto non è solo una descrizione tecnica di ciò che si vende, ma anche un’opportunità per catturare l’immaginazione dei clienti e convincerli a fare l’acquisto. In questo articolo, esploreremo le migliori pratiche per creare schede prodotto coinvolgenti e persuasive che si distinguono dalla massa e portano a una maggiore conversione.

L’importanza della scrittura della scheda prodotto

Le schede prodotto sono fondamentali nel processo di acquisto online. Sono la vetrina virtuale dei tuoi prodotti e svolgono un ruolo cruciale nel determinare se un cliente deciderà o meno di effettuare un acquisto. Una descrizione accurata, persuasiva e ben strutturata può fare la differenza tra un cliente che aggiunge il prodotto al carrello e uno che abbandona il sito senza fare alcuna azione. Inoltre, una scheda prodotto ben ottimizzata può migliorare la visibilità del tuo negozio online sui motori di ricerca, aumentando le possibilità di essere trovato da potenziali acquirenti.

Coinvolgimento del cliente

Uno degli obiettivi principali di una scheda prodotto efficace è catturare l’attenzione e coinvolgere il cliente fin dalla prima occhiata. Per fare ciò, è essenziale utilizzare titoli accattivanti, immagini di alta qualità e descrizioni dettagliate che mettano in risalto i vantaggi e le caratteristiche uniche del prodotto. Il coinvolgimento del cliente inizia dalla presentazione visiva del prodotto e continua attraverso una narrazione persuasiva che suscita interesse e desiderio nel potenziale acquirente.

SEO e Keyword Research

L’ottimizzazione delle schede prodotto per i motori di ricerca è un aspetto fondamentale della scrittura efficace di schede prodotto. Prima di iniziare a scrivere, è importante condurre una ricerca approfondita delle parole chiave pertinenti per il tuo prodotto e il tuo settore di nicchia. Questo ti aiuterà a identificare i termini e le frasi che i potenziali clienti utilizzano per cercare prodotti simili al tuo. Integrare strategicamente queste parole chiave nella descrizione del prodotto può migliorare il posizionamento del tuo negozio online nei risultati di ricerca e aumentare la visibilità del tuo prodotto agli occhi degli acquirenti interessati.

Utilizzo di Parole Chiave Long-Tail

Le parole chiave long-tail sono una componente importante della strategia SEO per le schede prodotto. Questi sono termini di ricerca più specifici e dettagliati che tendono ad attirare utenti con intenzioni di acquisto più definite. Integrare parole chiave long-tail nelle schede prodotto può aiutarti a raggiungere un pubblico più mirato e aumentare le probabilità di conversione.

Strumenti per la Keyword Research

Per condurre una ricerca efficace delle parole chiave per le schede prodotto, è consigliabile utilizzare strumenti specializzati. Questi strumenti possono aiutarti a identificare le parole chiave più rilevanti per il tuo prodotto e a ottimizzare le schede prodotto per massimizzare il traffico organico verso il tuo ecommerce. Alcuni strumenti tra i più popolari e utilizzati:

  • Google Keyword Planner: Questo strumento gratuito di Google fornisce informazioni dettagliate sul volume di ricerca e sulla competizione delle parole chiave.
  • Semrush: è uno strumento a pagamento che offre una vasta gamma di funzionalità per la ricerca delle parole chiave, l’analisi della concorrenza e altro ancora.
  • Google Search Console: Questo strumento gratuito di Google fornisce dati sulle prestazioni di ricerca del tuo sito web, inclusi dati sulle parole chiave che generano traffico e impressioni.

La struttura di una scheda prodotto

Una struttura ben definita e chiaramente organizzata è fondamentale per garantire che le informazioni più importanti sul prodotto siano facilmente accessibili e comprensibili per il cliente.

Titolo del prodotto

Il titolo del prodotto è il primo elemento che il cliente legge e può avere un impatto significativo sulle decisioni di acquisto. Un titolo chiaro, conciso e ricco di parole chiave pertinenti può aumentare la visibilità del tuo prodotto sui motori di ricerca e attirare l’attenzione dei potenziali acquirenti.

Descrizione del prodotto

La descrizione del prodotto è il cuore della scheda prodotto ed è qui che puoi fornire ai clienti tutte le informazioni di cui hanno bisogno per prendere una decisione informata sull’acquisto. La descrizione dovrebbe essere esaustiva, accurata e orientata ai benefici, mettendo in evidenza le caratteristiche distintive e i vantaggi del prodotto rispetto alla concorrenza. Utilizzare un linguaggio persuasivo che catturi l’immaginazione del cliente e lo convinca che il prodotto è esattamente ciò di cui ha bisogno.

Utilizzo di bullet points

Gli elenchi puntati possono rendere la lettura della descrizione del prodotto più chiara e accessibile, consentendo ai clienti di individuare facilmente le informazioni più rilevanti. Utilizza i bullet points per elencare le caratteristiche principali del prodotto in modo conciso e visivamente accattivante.

Ottimizzazione delle immagini

Le immagini svolgono un ruolo fondamentale nella presentazione del prodotto e possono avere un impatto significativo sulle decisioni di acquisto dei clienti.Utilizza immagini ad alta risoluzione che mostrino il prodotto da diverse angolazioni e prospettive. Le immagini di alta qualità possono aiutare i clienti a comprendere meglio l’aspetto e le dimensioni del prodotto, riducendo il rischio di insoddisfazione post-acquisto e restituzioni.

In conclusione

Scrivere schede prodotto efficaci richiede tempo, impegno e una profonda comprensione del tuo prodotto e del tuo pubblico di riferimento. Seguire le migliori pratiche discusse in questo articolo può aiutarti a creare schede prodotto coinvolgenti, persuasive e ottimizzate per i motori di ricerca che si distinguono dalla concorrenza e portano a una maggiore conversione e soddisfazione del cliente. Investi nella scrittura di schede prodotto di qualità e vedrai i risultati riflettersi sulle tue vendite e sulla reputazione del tuo brand online.

Vorresti avere maggiori informazioni o ricevere un supporto tecnico? Contattaci cliccando sul pulsante!

CONTATTACI

ecommerce sostenibile

Ecommerce sostenibile nel 2024: come guidare il cambiamento

Nel dinamico mondo dell’e-commerce, l’attenzione si sposta sempre più verso la sostenibilità. Il 2024 non fa eccezione, poiché il concetto di fare affari in modo etico e responsabile è diventato centrale per i consumatori consapevoli e per le aziende che aspirano a guidare il cambiamento.

L’importanza della sostenibilità

L’e-commerce sostenibile non è più un’opzione, ma una necessità imperante. I consumatori sono sempre più attenti all’impatto ambientale delle loro scelte di acquisto, e le aziende devono adattarsi per rimanere rilevanti. Nel 2024, l’attenzione sulla sostenibilità si tradurrà in un vantaggio competitivo tangibile.

Tendenze emergenti per un’ecommerce sostenibile

1. Imballaggi Eco-friendly

L’eliminazione degli imballaggi in plastica e l’adozione di materiali biodegradabili saranno norma. Esplora strategie per rendere gli imballaggi un punto di forza nella tua strategia di marketing,

2. Logistica Verde

La logistica sostenibile diventa prioritaria. Approfondisci le nuove soluzioni di trasporto a basse emissioni e le strategie per ridurre l’impatto ambientale della catena di approvvigionamento,

3. Etichettatura Chiara e Trasparente

I consumatori vogliono conoscere l’impronta ecologica dei prodotti che acquistano. Scopri come implementare etichettature chiare e trasparenti che comunicano in modo efficace le pratiche sostenibili,

Come abbracciare la sostenibilità nel tuo ecommerce

1. Ricerca di Fornitori Sostenibili

Identifica e collabora con fornitori che abbraccino pratiche etiche e sostenibili. La tua catena di approvvigionamento è il cuore del tuo impegno per l’e-commerce sostenibile,

2. Educazione dei consumatori

La consapevolezza è la chiave. Crea contenuti educativi che informino i consumatori sulle pratiche sostenibili e sulle azioni che possono intraprendere,

3. Implementazione di tecnologie Eco-friendly

Investi in tecnologie e processi che riducano l’impronta di carbonio del tuo e-commerce. Dalle fonti di energia rinnovabile all’ottimizzazione energetica, esplora le opzioni disponibili,

L’impatto della politica dei resi gratuiti sull’Ecommerce 

Un ulteriore elemento da considerare nel panorama in continua evoluzione dell’e-commerce sostenibile è l’attuale cambiamento nelle politiche di resi gratuiti. Negli ultimi tempi, sempre più aziende all’estero stanno rivedendo tali politiche per ridurre l’impatto ambientale associato ai resi. Questo cambiamento riflette una consapevolezza crescente riguardo la sostenibilità di tutto il ciclo di vita del prodotto, non solo durante la produzione e la distribuzione, ma anche nel processo di reso.

L’introduzione di politiche di reso più selettive incoraggia i consumatori a fare scelte ponderate durante l’acquisto e a minimizzare la restituzione di prodotti. Questa nuova prospettiva è in linea con l’approccio sostenibile all’e-commerce, mirando a ridurre gli sprechi e l’impatto ambientale derivante dalla movimentazione di merci inutilizzate. Esplorare soluzioni creative, come offrire alternative alla restituzione, può essere un modo innovativo per adattarsi a questo cambiamento, fornendo al contempo un servizio clienti eccellente.

La convergenza di politiche di resi più consapevoli e pratiche sostenibili nell’e-commerce è un passo significativo verso un settore più responsabile. Questo cambio di rotta illustra il ruolo cruciale che la sostenibilità svolgerà nel futuro dell’e-commerce, dove l’equilibrio tra soddisfazione del cliente, impatto ambientale ed efficienza operativa sarà la chiave per un successo duraturo.

Sostenibilità come vantaggio competitivo

Il 2024 segna un punto di svolta nell’e-commerce sostenibile. Abbracciare questa evoluzione non solo risponde alle aspettative dei consumatori, ma apre anche nuove opportunità di business. L’e-commerce sostenibile non è solo una tendenza; è il futuro che tutti dobbiamo costruire insieme.

Preparati a guidare il cambiamento e a fare del tuo e-commerce un faro di innovazione responsabile nel 2024 e oltre. La sostenibilità è più di una strategia aziendale; è un impegno a creare un impatto positivo duraturo.

retargeting dinamico con criteo

Guida a Criteo: funzionamento e vantaggi del Retargeting Dinamico

Nel vasto universo della pubblicità digitale, dove ogni click è una potenziale connessione, Criteo si erge come un faro di personalizzazione e precisione. In questa guida completa, ci immergeremo nei meandri di Criteo, esplorando non solo il “cosa” e il “come”, ma anche il profondo impatto che questa piattaforma ha nel plasmare la narrazione pubblicitaria online.

Il Mondo del Retargeting Dinamico

Immagina di camminare attraverso un mercato virtuale dove ogni annuncio ti sussurra in modo personalizzato, un luogo in cui il tuo passato di navigazione si traduce in un futuro di scoperte personali. Questo è il mondo che Criteo apre ai marchi, un mondo in cui il retargeting dinamico è la chiave per riconnettersi in modo significativo con i visitatori passati.

Cosa è Criteo?

Oltre le definizioni tecniche

Criteo è molto più di una piattaforma di retargeting. È un architetto digitale che trasforma i dati in esperienze personalizzate. Quando un utente esplora un sito web, Criteo diventa l’artigiano digitale, tessendo un filo invisibile di dati che guiderà la creazione di annunci mirati e coinvolgenti. La sua missione infatti, è trasformare i semplici visitatori in ferventi sostenitori di marchi.

Come Funziona

Retargeting Dinamico in Azione

Il cuore pulsante di Criteo è il retargeting dinamico. Quando un utente visita un sito web, Criteo traccia il suo comportamento di navigazione, raccogliendo dati preziosi sulle pagine visitate, i prodotti visualizzati e le azioni compiute. Successivamente, quando quell’utente naviga su altre piattaforme online, come Facebook o siti di news, Criteo utilizza queste informazioni per presentare annunci altamente mirati e personalizzati.

Implementazione di una Campagna

Per sfruttare appieno Criteo, gli inserzionisti devono seguire una serie di passaggi chiave. Prima di tutto, è necessario implementare il codice di tracciamento di Criteo sul proprio sito web. Questo consente a Criteo di raccogliere dati in modo efficace. Successivamente, attraverso il punto di contatto con la piattaforma, gli inserzionisti possono creare campagne pubblicitarie personalizzate, definendo obiettivi di conversione, budget e targeting specifico.

I Vantaggi del Retargeting con Criteo

  • Aumento delle Conversioni: Grazie alla natura altamente personalizzata degli annunci, Criteo contribuisce a convertire i visitatori passivi in clienti attivi.
  • Massimizzazione del ROI: Il retargeting dinamico consente agli inserzionisti di massimizzare il rendimento sugli investimenti pubblicitari, focalizzandosi su utenti che hanno già mostrato interesse.
  • Crea Consapevolezza del brand: Mantenendo la presenza del marchio nella mente degli utenti, Criteo contribuisce a costruire una forte consapevolezza del marchio nel lungo termine.

In conclusione, Criteo si distingue come una soluzione avanzata ed efficace nel panorama del retargeting. La sua capacità di adattarsi al comportamento unico di ogni utente lo rende una risorsa essenziale per gli inserzionisti che cercano di ottimizzare le loro campagne pubblicitarie online. Implementare una strategia di retargeting dinamico con Criteo può essere il passo decisivo per un marketing più intelligente e orientato ai risultati.

Vorresti ricevere maggiori informazioni o per avere un supporto tecnico? Contattaci cliccando sul pulsante!

CONTATTACI

shopify blog

Shopify vs. altre piattaforme di Ecommerce

Quale scegliere per il tuo negozio?

Se stai pensando di lanciare un negozio online, hai fatto il primo passo verso un futuro promettente nel mondo dell’e-commerce. Tuttavia, una delle decisioni più cruciali che devi prendere è la scelta della piattaforma di e-commerce giusta per il tuo business. Tra le numerose opzioni disponibili, Shopify spicca come una delle piattaforme più popolari, ma come si confronta con le alternative?

La concorrenza è agguerrita

Nel vasto panorama delle piattaforme di e-commerce, Shopify non è l’unico giocatore in campo. Ci sono altre soluzioni degne di considerazione, tra cui WooCommerce, BigCommerce, Magento e molti altri. Ognuna di queste piattaforme ha i propri punti di forza e debolezze, quindi è essenziale effettuare una valutazione attenta per trovare quella che si adatta meglio alle tue esigenze.

Vantaggi di Shopify

Shopify è noto per la sua facilità d’uso e l’accessibilità. È una piattaforma basata su cloud che ti consente di avviare il tuo negozio online senza dover gestire l’hosting o la manutenzione del sito. Shopify offre un’app store ricca di estensioni e temi personalizzabili per personalizzare il tuo negozio. Uno dei punti di forza di Shopify è il servizio clienti e l’assistenza dedicata, che può essere un vantaggio significativo per i principianti nell’e-commerce. Inoltre offre una gestione dei pagamenti integrata che semplifica il processo di accettazione delle transazioni online. Gli utenti possono effettuare acquisti in modo sicuro e veloce utilizzando una varietà di metodi di pagamento, inclusi carte di credito, PayPal e altri.

Aggiornamenti Automatici: Shopify si occupa degli aggiornamenti e delle patch di sicurezza, il che significa che non dovrai preoccuparti di tenere il tuo sito aggiornato. Questo è un vantaggio significativo rispetto alle soluzioni self-hosted, dove spesso è necessario gestire manualmente gli aggiornamenti.

Quali sono le altre opzioni?

WooCommerce è un plugin per WordPress che offre una notevole flessibilità e personalizzazione. È ideale per chi vuole avere il controllo completo sul proprio sito web. Tuttavia, richiede una maggiore competenza tecnica.

BigCommerce è una piattaforma all-in-one che fornisce funzionalità di e-commerce avanzate. È una soluzione completa che include hosting, sicurezza e supporto tecnico. Tuttavia, potrebbe essere costosa per i piccoli business.

Magento è noto per la sua scalabilità e capacità di gestire negozi di grandi dimensioni con esigenze complesse. Tuttavia, richiede una curva di apprendimento ripida e potrebbe essere eccessivo per i negozi più piccoli.

Come scegliere la piattaforma più adatta

La scelta tra Shopify e altre piattaforme di e-commerce dipende dalle tue esigenze specifiche. Ecco alcuni criteri chiave da considerare:

  • Budget: Shopify ha un costo mensile, mentre alcune soluzioni open-source come WooCommerce sono gratuite. Valuta il tuo budget disponibile.
  • Facilità d’Uso: Se sei nuovo nell’e-commerce, la facilità d’uso di Shopify può essere un vantaggio significativo.
  • Scalabilità: Considera le dimensioni attuali e future del tuo business. Alcune piattaforme sono più scalabili di altre.
  • Personalizzazione: Quanto hai bisogno di personalizzare il tuo negozio? Alcune piattaforme consentono una maggiore flessibilità di design.

Conclusioni

La scelta tra Shopify e altre piattaforme di e-commerce non è una decisione da prendere alla leggera. Deve essere basata sulle esigenze specifiche del tuo business e sulle tue capacità tecniche. Analizza attentamente i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna opzione e, se necessario, cerca il parere di professionisti dell’e-commerce. La piattaforma giusta può fare la differenza nel successo del tuo negozio online. In ultima analisi, non esiste una risposta universale. Quello che conta è trovare la soluzione che meglio si adatta alla tua visione e ai tuoi obiettivi imprenditoriali.

Vorresti ricevere maggiori informazioni o per avere un supporto tecnico? Contattaci cliccando sul pulsante!

 

CONTATTACI

guida interfaccia utente

L’importanza di un’interfaccia intuitiva per migliorare l’esperienza di acquisto online

Guida definitiva per migliorare l’usabilità del tuo sito e-commerce

Quando si tratta di un negozio online di successo, l’usabilità del sito web svolge un ruolo fondamentale nell’esperienza complessiva dei clienti. Un’interfaccia utente intuitiva e facile da navigare può fare la differenza tra una transazione completata e un potenziale cliente che abbandona il carrello. In questo articolo, esploreremo diverse strategie che puoi implementare per migliorare l’usabilità del tuo sito e-commerce e garantire un’esperienza di acquisto senza problemi per i tuoi clienti.

Progettazione intuitiva dell’interfaccia: 

L’usabilità del tuo sito web inizia con una progettazione intuitiva dell’interfaccia. Assicurati che i pulsanti di navigazione siano chiari e facilmente identificabili. Utilizza un linguaggio semplice e diretto per le etichette dei menu e delle categorie di prodotti. Organizza i prodotti in modo logico e coerente, facilitando la ricerca e la navigazione per i visitatori. Mantieni l’interfaccia pulita e priva di elementi superflui che potrebbero distrarre l’attenzione del cliente.

Ottimizzazione per dispositivi mobili: 

Con sempre più persone che effettuano acquisti tramite smartphone e tablet, è essenziale che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili. Assicurati che la versione mobile del tuo sito offra un’esperienza di navigazione fluida, con pulsanti e menu ben dimensionati per gli schermi più piccoli. Riduci al minimo lo scroll laterale e adatta il contenuto in modo che sia facilmente leggibile su schermi di diverse dimensioni. Un sito ottimizzato per dispositivi mobili non solo migliorerà l’esperienza dei clienti, ma avrà anche un impatto positivo sul posizionamento nei motori di ricerca.

Ricerca efficace dei prodotti: 

La funzione di ricerca è uno strumento fondamentale per aiutare i clienti a trovare rapidamente ciò che stanno cercando. Assicurati che la barra di ricerca sia ben visibile e facilmente accessibile su tutte le pagine del tuo sito. Implementa anche la funzionalità di ricerca predittiva, in modo che quando i clienti iniziano a digitare una parola chiave, vengano suggeriti prodotti pertinenti. Inoltre, considera l’implementazione di filtri di ricerca avanzati, come categorie, prezzo e marche, per consentire ai clienti di restringere rapidamente i risultati in base alle loro preferenze.

Caricamento veloce delle pagine: 

La velocità di caricamento delle pagine è fondamentale per mantenere i visitatori impegnati e ridurre il tasso di abbandono. Gli utenti sono diventati sempre più impazienti, quindi assicurati che le tue pagine si caricano rapidamente. Riduci al minimo le immagini di grandi dimensioni o ottimizzale per il web utilizzando compressione senza perdita di qualità. Riduci al minimo l’utilizzo di script o plugin che possono rallentare il caricamento delle pagine. Considera l’utilizzo della tecnologia di caching per archiviare temporaneamente i file statici del tuo sito e ridurre i tempi di risposta del server.

Checkout semplificato: 

Un checkout complicato è un fattore che spesso porta all’abbandono del carrello. Semplifica il processo di checkout riducendo al minimo il numero di passaggi necessari per completare l’acquisto. Chiedi solo le informazioni essenziali, come l’indirizzo di spedizione, l’opzione di pagamento e le informazioni di contatto. Offri anche l’opzione di checkout come ospite, in modo che i clienti non siano costretti a creare un account se non lo desiderano. Assicurati che il processo di pagamento sia chiaro e che i clienti ricevano conferme immediatamente dopo aver completato l’acquisto.

Testare e ottimizzare: 

Il testing è un aspetto fondamentale per migliorare costantemente l’usabilità del tuo sito web. Effettua test di usabilità con utenti reali per identificare eventuali punti deboli o difficoltà che i clienti potrebbero incontrare durante la navigazione o il processo di acquisto. Raccogli feedback dai tuoi clienti attraverso sondaggi o interazioni dirette per ottenere una visione chiara delle loro esperienze. Utilizza questi dati per apportare miglioramenti continui al tuo sito web, risolvendo eventuali problemi di usabilità e offrendo un’esperienza di acquisto sempre migliore.

Migliorare l’usabilità del tuo sito e-commerce è un processo continuo che richiede attenzione e impegno costante. Una progettazione intuitiva dell’interfaccia, l’ottimizzazione per dispositivi mobili, una ricerca efficace dei prodotti, un caricamento veloce delle pagine, un checkout semplificato e il testing regolare sono tutti elementi cruciali per fornire un’esperienza di acquisto senza problemi e soddisfare le aspettative dei clienti. Investire nella creazione di un’esperienza utente impeccabile ti aiuterà a guadagnare la fiducia dei clienti, a incrementare le conversioni e a costruire una base solida per il tuo successo nel mondo dell’e-commerce.

Per avere maggiori informazioni, potete contattarci cliccando sul pulsante

CONTATTACI

marketing automation

Incentivo all’acquisto: come strutturarlo tramite automation marketing

Automatizzare processi e attività può essere la chiave più semplice per organizzare al meglio gli obiettivi del proprio sito web: nei diversi settori del marketing, munirsi di flussi basati sull’automation consente di pianificare, gestire e ottimizzare flussi di lavoro per un’ampia gamma di attività. In questo modo potenziali clienti potrebbero trasformarsi in utenti che generano una o più conversioni (nel caso di azioni di remarketing). Una delle branche del marketing per cui il concetto di automazione è maggiormente utilizzato è certamente l’email marketing.

Come funziona l’automation marketing per l’invio di mail

Tramite software predisposti, si ha la possibilità di generare, monitorare utenti “di passaggio” e convertirli in clienti con almeno una conversione: le pratiche utilizzabili sono molteplici, a partire da semplici flussi di carrello abbandonato sino a mail di cross selling in base ad acquisti precedenti. L’obiettivo è puntare a utenti che hanno già dimostrato un interesse per i prodotti venduti dal proprio ecommerce e spingerli a interagire nuovamente con il contenuto o consigliare l’acquisto di prodotti correlati: è comune offrire coupon per ottenere sconti, servizi abbinati agli ordini, o solo ricordando che quell’articolo su cui si erano soffermati in precedenza potrebbe fare al loro caso.

Incentivare l’utente al primo acquisto

Grazie al tracciamento delle visualizzazioni di pagine web e all’identificazione della categoria di appartenenza del contenuto, è possibile strutturare mail ad hoc da inviare agli utenti che non hanno ancora convertito dopo la prima interazione. I vari software di automation marketing offrono strutture di flussi per l’invio di mail anche in questi casi: si mira direttamente a un interesse già manifestato dal potenziale acquirente, che necessita di un promemoria ed essere spinto verso il completamento dell’acquisto.

Creazione di un flusso

Individuata la categoria o il prodotto di riferimento, il flusso ha inizio con l’impostazione di un target come “trigger”: si tratta di una serie di fattori che se rispettati danno il via al percorso dell’utente (presupposto fondamentale è che quest’ultimo abbia effettuato il log in all’ecommerce). Il target del trigger può consistere nella visualizzazione di una categoria, di un brand o di una parte specifica di url o titolo prodotto: verificata questa condizione il potenziale acquirente si avvia al passo successivo.

È raccomandabile inserire un periodo di attesa dopo l’ingresso nel flusso: nel caso di mail dedicate al carrello abbandonato, qualche ora è sufficiente, mentre se si tratta di utenti che hanno visualizzato una pagina web, è il caso di attendere più tempo per non risultare troppo invadenti. L’invio della mail avverrà dopo il decorso di questo lasso di tempo. Una volta ricevuta la mail, il contatto potrà aprirla subito o successivamente: dopo l’invio è necessario attendere nuovamente, affinché il contatto abbia il giusto tempo per poter aprire la comunicazione: impostata anche questa attesa, si può procedere con la verifica della conversione. Se l’utente ha effettuato un acquisto dopo la ricezione della mail, l’obiettivo della conversione risulterà raggiunto e il contatto potrà uscire dal flusso. Nel caso in cui questo non si verifichi, è possibile impostare l’automazione in modo tale che l’utente, se visualizzerà nuovamente il contenuto impostato per il trigger, potrà ricevere nuovamente la mail impostata.

PrestaShop: Quali sono i moduli migliori e gratuiti

Quali sono i moduli gratuiti migliori per PrestaShop

Grazie a questi moduli, hai la possibilità di implementare funzionalità avanzate che possono migliorare la tua posizione sui motori di ricerca, aumentare il traffico al tuo sito, offrirti statistiche dettagliate sui visitatori e sulle vendite, semplificare il processo di checkout e migliorare la soddisfazione del cliente. In questo articolo, vedremo i 10 moduli fondamentali per il tuo e-commerce in Prestashop.

PrestaShop, gestisci con semplicità il tuo e-commerce

Abbiamo selezionato per ogni Obiettivo un modulo gratuito perfetto per il tuo ecommerce, direttamente dal marketplace di Prestashop Addons:

Aumenta il Traffico attraverso il marketplace Google Shopping con il Modulo PrestaShop Marketing with Google e collega tutti i tuoi prodotti ad Amazon ed Ebay con il modulo Magnalister

Facilita il percorso di navigazione con il Motore di ricerca interno di Doofinder, con questo modulo puoi offrire risultati di ricerca interna dinamici e predittivi. I tuoi clienti troveranno tutto ciò di cui hanno bisogno in pochi secondi.

Eleva il tasso di Conversione con i metodi di pagamento più apprezzati dal tuo pubblico:

Il modulo di pagamento è essenziale per il tuo e-commerce. Senza di esso, non potrai accettare pagamenti online. Prestashop ha integrato diversi moduli di pagamento, tra cui Paypal, Stripe e molti altri. Assicurati di scegliere un modulo di pagamento che sia sicuro e affidabile.

Ottimizza l’intero processo di spedizione con SendCloud e diminuisci i costi di gestione delle spedizioni con iSendu

Se dai tuoi report noti un alto tasso di abbandono del carrello allora questo modulo di PrestaShop è l’ideale per recuperare i carrelli abbandonati e aumentare il tasso di conversione: Banner Carrello. I clienti riceveranno una notifica nel carrello e riceveranno uno sconto dedicato per completare l’ordine, attraverso numerosi format come promemoria pop-up, promemoria barra highlight o notifica push web.

Fidelizza i tuoi clienti con i moduli dedicati all’email marketing, con l’addon di MailChimp o SendinBlue puoi gestire dal tuo negozio PrestaShop i software di newsletter ed email marketing, inviare newsletter e recuperare i carrelli abbandonati, consigliare nuovi prodotti o correlati all’ultimo acquisto e importare nuovi clienti facendo campagne di Social Media Marketing e attraverso Google Ads.

Sei ancora indeciso se aprire il tuo nuovo e-commerce con Prestashop? Contattaci per una consulenza gratuita e ti aiuteremo a trovare il CMS (Content Management System) perfetto per le tue esigenze.

CONTATTACI

il tuo sito non vende cause

Il tuo sito e-commerce non vende? Le cause e i consigli per aumentare le vendite e il fatturato del tuo negozio

Se hai un sito ecommerce e le tue vendite non sono abbastanza elevate come vorresti, può essere molto frustrante. Ma non preoccuparti, ci sono molte ragioni per cui questo potrebbe accadere e ci sono anche molte soluzioni che puoi provare. In questo articolo, esploreremo alcune delle ragioni più comuni per cui un sito ecommerce potrebbe non vendere abbastanza e ti sveleremo cosa puoi fare per migliorare la situazione.

Il tuo sito non è user-friendly

Il primo ma non banale motivo per cui il tuo shop online potrebbe non vendere come desideri, potrebbe essere che non è facile da usare per i visitatori. Assicurati che il tuo sito sia ben strutturato per garantire che i visitatori possano trovare facilmente ciò che cercano. Un sito con un’alberatura semplice e con prodotti facilmente accessibili potrebbe aumentare le probabilità di vendita e migliorare l’esperienza del cliente.

Consiglio degli esperti:

Pensa al tuo sito web preferito, dove la navigazione ti è così semplice che ti senti “a casa”.

Ora replica la stessa struttura all’interno del tuo negozio online e assicurarti di creare un percorso fluido anche per gli utenti che verranno a visitarti.

I tuoi prezzi sono troppo alti

Un altro motivo per cui il tuo sito ecommerce potrebbe non vendere abbastanza potrebbe essere che i tuoi prezzi sono troppo alti. Fai un’analisi di mercato e scopri cosa stanno offrendo i tuoi concorrenti. Se i tuoi prezzi sono significativamente più alti, potrebbe essere il momento di rivedere le tue politiche di prezzi, o contattare i tuoi fornitori per rivedere alcuni accordi.

Consiglio degli esperti:

Esistono differenti tool e software in grado di attuare il repricing dinamico, in base ai prezzi selezionati dai concorrenti. Grazie all’algoritmo avanzato Priceflow ti garantisce il prezzo giusto al momento giusto, senza l’intervento manuale. Non perdere altro tempo e scopri con il nostro servizio può aiutare il tuo business.

Non stai offrendo abbastanza opzioni di pagamento

La proposta limitata delle modalità di pagamento in un ecommerce spesso influenza negativamente i consumatori nella fase in cui scelgono di acquistare un prodotto. Questa rappresenta la fase più delicata per i potenziali clienti poiché hanno bisogno di fidarsi del venditore nel lasciare alcuni dati sensibili. Per questo è consigliabile appoggiarsi a piattaforme terze come Paypal, nonostante le provvigioni siano abbastanza alte. 

Consiglio degli esperti:

Assicurati di offrire una vasta gamma di opzioni di pagamento oltre a PayPal e la carta di credito. Ad esempio negli ultimi trend vediamo una continua crescita dei pagamenti online tramite i wallet digitali, come Amazon Pay, GooglePay ma soprattutto Apple Pay.

Le tue immagini non sono di alta qualità

I tuoi clienti online non possono vedere né toccare i prodotti fisicamente, quindi devono affidarsi alle immagini che pubblichi sul tuo sito. Assicurati che le tue immagini siano di alta qualità e che mostrino il prodotto sotto diversi punti di vista.

Consiglio degli esperti:

Le immagini oltre ad avere un peso in fase di decisione di acquisto hanno anche un peso reale e questo incide sulla velocità del sito. In sintesi assicurati che tutte le foto presenti all’interno del tuo ecommerce non abbiano dimensioni oltre i 100Kb. 

Non stai facendo abbastanza social marketing

Se tutti gli step elencati sino ad ora pensi che non siano le cause che penalizzano il tuo ecommerce allora non stai facendo abbastanza marketing, e questo non ti permette di raggiungere il tuo target di riferimento. 

I consumatori, oggigiorno, utilizzano tutti i social disponibili per apprendere quante più informazioni possibili in merito al prodotto e alla marca, cercano recensioni, video tutorial e influencer che li abbiano testati e solo quando avranno trovato tutti i dettagli necessari saranno pronti ad effettuare l’acquisto.

Consiglio degli esperti:

La strategia perfetta in questo caso non esiste. Bisogna studiare attentamente il proprio mercato e il proprio target e capire quali sono le piattaforme più utilizzate da loro, quali sono gli influencer più seguiti e quale storytelling adottare. I social network più comuni sono Facebook per le persone con un’età che varia dai 35 ai 65 anni, Instagram dai 25 ai 35 anni e Tik Tok per le fasce più giovani, ma questo ovviamente è un indice statistico relativo e da prendere in considerazione solo dopo alcuni test.

Ricordati di Google e lui si ricorderà di te

La visibilità sui motori di ricerca è diventata fondamentale per raggiungere il proprio pubblico di riferimento e incrementare la propria presenza online. In questo contesto, le due strategie principali per ottenere visibilità sui motori di ricerca sono SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing).

Consiglio degli esperti:

Google è il motore di ricerca più utilizzato al mondo, e per questo motivo è importante seguire le sue linee guida per ottenere un buon posizionamento nei risultati di ricerca. Google predilige i siti web con contenuti di alta qualità, una buona esperienza utente e un’architettura tecnica solida. Pertanto, la creazione di contenuti di alta qualità e l’ottimizzazione tecnica del sito web devono essere la base di qualsiasi strategia.

Solo in questo modo Google si ricorderà di voi, garantendo una maggiore visibilità sui motori di ricerca e, di conseguenza, un maggiore successo per il vostro business online.

Attiva una live chat per migliorare la Customer Care sull’ecommerce

In un mercato privo di barriere e sempre più competitivo, la soddisfazione del cliente è diventata una priorità per qualsiasi business online. Tra le varie strategie per migliorare il customer care su un e-commerce, l’attivazione di una live chat può rappresentare una soluzione efficace e innovativa, per acquisire e fidelizzare i nuovi clienti.

Consiglio degli esperti:

Le due live chat più apprezzate sono Messenger e Whatsapp di proprietà Meta. Questi due strumenti hanno diversi vantaggi: consentono di offrire un servizio di assistenza personalizzato e immediato ai clienti; grazie alla possibilità di inviare messaggi con allegati, i clienti possono inviare foto e documenti utili per concludere l’acquisto; e infine l’azienda ha dei dati importanti dell’utente, come nome e/o cognome, e numero di telefono, per fare azioni di remarketing.

Email Marketing e Automation 

Assicurati di offrire abbastanza valore aggiunto ai tuoi clienti. Come? Inviando offerte speciali, sconti dedicati, spedizione gratuita e altro ancora. Offrire valore aggiunto può aiutarti a differenziarti dai tuoi concorrenti e a incentivare i tuoi clienti a preferire il tuo sito web.

Consiglio degli esperti:

Le piattaforme di email marketing che noi consigliamo sono essenzialmente due: Mailchimp e Sendinblue. Entrambe permettono di creare messaggi di marketing personalizzati basati sui dati dei clienti, come il loro comportamento di acquisto, le loro preferenze e gli interessi. Ciò aumenta l’efficacia del marketing e migliora l’esperienza del cliente.

Con l’aiuto delle nostre strategie di marketing personalizzate potrai migliorare la visibilità del tuo e-commerce e aumentare le vendite. Non sai da dove partire per attuare questi consigli? Allora, contattaci per ottenere una consulenza gratuita e scoprire come possiamo aiutarti e far crescere il tuo business online!

Consiglio Bonus per la lettura di tutto l’articolo

Posizionati sui comparatori di Prezzi

Ecco 5 motivi per cui dovresti considerare l’utilizzo di Trova Prezzi: motore di ricerca di prodotti, che consente ai consumatori di confrontare i prezzi di diversi venditori online. 

  1. Incrementare la visibilità: Aggiungere i propri prodotti a Trovaprezzi.it può aumentare la visibilità del brand dell’ecommerce e portare un maggior traffico sul sito.
  2. Confrontare i prezzi: Trovaprezzi.it consente di confrontare i prezzi dei propri prodotti con quelli dei concorrenti in modo rapido e facile. Ciò può aiutare l’ecommerce a mantenere i propri prezzi competitivi e a prendere decisioni di pricing più performanti.
  3. Aumentare le vendite: I clienti che cercano su Trovaprezzi.it sono più intenzionati ad acquistare il prodotto, il che significa che l’e-commerce ha maggiori probabilità di convertire questi visitatori in clienti effettivi. 
  4. Sfruttare il remarketing: Il comparatore utilizza la tecnologia del remarketing per mostrare ai clienti gli annunci pubblicitari dei prodotti che hanno visualizzato. Ciò significa che i visitatori di Trovaprezzi, possono essere invogliati a tornare sul sito per completare l’acquisto.
  5. Migliorare la reputazione dell’azienda: Avere i propri prodotti presenti su Trovaprezzi.it può aumentare la fiducia dei clienti nell’ecommerce, poiché indica che l’azienda è disposta a confrontarsi con i propri concorrenti e a mostrare trasparenza riguardo ai propri prezzi. Ciò può migliorare la reputazione dell’azienda e la fedeltà dei clienti.

Hai bisogno di analizzare grazie a un supporto tecnico cosa non va nel tuo ecommerce? Clicca sul pulsante

CONTATTACI

social customer care

Perché sfruttare i social media per fare customer care

Nel 2023 i social media sono diventati uno strumento fondamentale per le aziende di tutto il mondo, per fornire assistenza ai clienti e rispondere alle loro domande. Con la crescente popolarità degli acquisti online, le aziende devono essere in grado di fornire un supporto efficiente e rapido ai propri clienti anche sui social media. Gli studi hanno sottolineato, infatti, come ben l’80% dei consumatori usi i social network per interagire con i vari brand e marchi.

I consumatori di oggi, infatti, sono sempre più propensi a cercare aiuto sui social media, anziché utilizzare metodi tradizionali come l’e-mail o il telefono. Inoltre, la velocità di risposta sui social media è diventata una priorità per i consumatori, che aspettano risposte rapide e affidabili alle loro domande.

Per le aziende che hanno un e-commerce, la presenza sui social media è fondamentale per la loro sopravvivenza. Gli e-commerce devono essere in grado di fornire un supporto efficiente e personalizzato ai propri clienti attraverso i diversi canali social, per garantire che gli acquirenti siano soddisfatti del loro acquisto e abbiano un’esperienza positiva con il brand. Un modo per fornire un supporto efficiente ai clienti sui social media è quello di utilizzare una piattaforma di gestione dei social media, che consenta di monitorare, gestire e rispondere ai messaggi dei clienti in modo efficiente. Queste piattaforme possono essere utilizzate per rispondere alle domande dei clienti in tempo reale, fornire assistenza per problemi tecnici e gestire le recensioni dei prodotti.

Grazie a questi strumenti, le aziende possono utilizzare i social media per offrire ai clienti un servizio di live chat, che consente di rispondere rapidamente alle loro domande e fornire assistenza in tempo reale. Questo tipo di servizio può essere particolarmente utile per risolvere problemi tecnici o fornire supporto durante il processo di acquisto.

Oltre a fornire assistenza ai clienti, le aziende possono anche utilizzare i social media per aumentare la loro visibilità online e migliorare la loro reputazione. Ad esempio, è possibile utilizzare i social media per pubblicare recensioni dei clienti, foto dei prodotti e video promozionali. Questo tipo di contenuto aiuta a rafforzare la reputazione e aumentare la fiducia dei clienti nei confronti del brand.

Tre strumenti social da utilizzare per fare custome care

Facebook Messenger

Messenger è uno strumento potente per le aziende che vogliono migliorare il loro servizio clienti. Con oltre 2,90 miliardi di utenti attivi mensilmente, Messenger offre un modo semplice e conveniente per i clienti di entrare in contatto con le aziende e ottenere risposte alle loro domande. Inoltre Messenger è facilmente integrabile con ogni CMS, grazie al plugin di chat ufficiale rilasciato da Meta. Permettendo così di ricevere i messaggi proveniente dal sito, direttamente su Messenger. Ecco come utilizzare Messenger per il customer care.

  1. Crea una Pagina aziendale: La prima cosa da fare è creare una Pagina aziendale su Facebook. Questo ti permetterà di interagire con i clienti su Messenger e di utilizzare altre funzionalità di Facebook per promuovere la tua attività.
  2. Attiva la funzione di messaggistica: Dopo aver creato la tua Pagina, attiva la funzione di messaggistica in modo che i clienti possano inviarti messaggi direttamente su Messenger.
  3. Rispondi tempestivamente: È importante che tu risponda tempestivamente ai messaggi dei clienti. Questo li farà sentire ascoltati e rispettati, e dimostrerà il tuo impegno nell’offrire un ottimo servizio clienti.
  4. Utilizza automazioni: Utilizza le automazioni per rispondere rapidamente a domande frequenti o per inviare messaggi di benvenuto ai nuovi clienti. Questo ti permetterà di risparmiare tempo e di garantire che i clienti ricevano sempre una risposta.
  5. Monitora i feedback: Monitora i feedback dei clienti e utilizza queste informazioni per migliorare il tuo servizio clienti. Questo ti aiuterà a identificare le aree in cui è necessario migliorare e a garantire che i clienti siano sempre soddisfatti del tuo servizio.

WhatsApp Business

WhatsApp Business è un’app gratuita progettata per aiutare le aziende a comunicare con i clienti in modo più efficiente. Con oltre 2 miliardi di utenti in tutto il mondo, WhatsApp è uno dei modi più popolari per le persone di comunicare con amici e familiari. Adesso, le aziende possono sfruttare questa piattaforma per migliorare la loro customer care.

  1. Creare un account aziendale: Assicurati di fornire informazioni accurate sul tuo business, come il nome, l’indirizzo e una descrizione.
  2. Imposta un messaggio automatico: WhatsApp Business consente di impostare un messaggio automatico che verrà inviato ai clienti quando non sei disponibile. Questo messaggio può essere personalizzato per rispondere alle domande frequenti dei clienti.
  3. Utilizza la funzione di risposta rapida: La funzione di risposta rapida consente di rispondere rapidamente ai messaggi dei clienti, senza dover digitare manualmente la risposta. Questa funzione è particolarmente utile per rispondere a domande frequenti.
  4. Crea un catalogo: WhatsApp Business consente di creare un catalogo di prodotti o servizi. I clienti possono visualizzare questo catalogo direttamente dalla conversazione con il tuo business.
  5. Utilizza le etichette: Le etichette consentono di organizzare e categorizzare i messaggi dei clienti. Ad esempio, puoi creare un’etichetta per i clienti che hanno fatto un ordine o hanno una domanda su un prodotto specifico.

Telegram (App o Desktop)

Telegram offre una combinazione unica di accessibilità, velocità di risposta, funzionalità di gruppo, archiviazione automatica e integrazione con i bot, che lo rende un’ottima scelta per il customer care con i clienti. Ci sono diversi motivi per cui Telegram può essere un’ottima scelta per il customer care con i clienti:

  1. Accessibilità: Telegram è disponibile su diverse piattaforme, come smartphone, desktop e tablet, rendendolo facilmente accessibile per i clienti.
  2. Velocità di risposta: Telegram offre la possibilità di inviare messaggi istantanei, il che significa che i team di supporto possono rispondere rapidamente ai clienti.
  3. Gruppi di chat: È possibile creare gruppi di chat in Telegram, il che rende più facile per i team di supporto gestire molte richieste contemporaneamente.
  4. Archiviazione automatica: Telegram archivia automaticamente tutte le conversazioni, il che significa che è possibile tenere traccia delle richieste dei clienti e delle relative risposte.
  5. Integrazione con bot: Telegram supporta i bot, che possono essere utilizzati per automatizzare alcune attività di customer care, come la risposta a domande frequenti.

In conclusione, utilizzare i social per il customer care può aiutare realmente le aziende a migliorare la loro relazione con i clienti e a offrire un servizio di qualità. Con questi semplici passaggi, le aziende possono utilizzare i social media per interagire con i clienti, rispondere alle loro domande e fornire un supporto eccezionale.

 

CONTATTACI

campagne google ADS ecommerce

Google Ads per il settore arredamento 2022 vs 2021

Il periodo post pandemico ha accelerato sicuramente i ritmi di vendita online portando il mercato dell’arredamento, nello specifico, a registrare fatturati importanti. Le campagne effettuate su Google Ads hanno aiutato in maniera preponderante i nostri clienti a raggiungere nuovi utenti che cercavano su Google parole chiave interessanti e a mostrare loro il prodotto perfetto nel momento esatto.

Nel 2022 grazie alle campagne effettuate su Google Ads (ex Adwords) abbiamo registrato nel settore arredamento made in Italy, un tasso di conversione di circa lo 0,15%.

Ma non è tutto oro ciò che luccica. Google Ads, dati i numerosi players che si sono affacciati nel mondo del Digital Advertising dal 2021 al 2022, ha aumentato il costo di partecipazione alle aste. Nel dettaglio il CPC medio (Costo per Click) è aumentato del 28,57% (YoY), comportando un aumento netto del costo delle campagne e una consequenziale riduzione di click e quindi conversioni.

Per far fronte a questo aumento, abbiamo studiato nuovi strumenti e strategie, che potessero ridurre al minimo questi costi, utilizzando Annunci Dinamici per la Rete di Ricerca e Performance Max per sostituire gli annunci Shopping.

Questa pianificazione ci ha permesso di portare all’interno dell’ecommerce dei nostri clienti solo un pubblico ben profilato che portasse una conversione di qualità, infatti le Conversioni registrate da Google Ads sono state il 50,65% del totale generando il 47,02% del fatturato totale.

La domanda che si pone ogni imprenditore al termine delle campagne è: ci ho guadagnato?

Calcoliamo insieme il ROAS sulla base dei dati registrati nel 2022:

ROAS % = (Entrate delle campagne pubblicitarie) / (Spesa pubblicitaria) *100

Per tutelare i dati sensibili dei nostri clienti abbiamo riportato solo dati in percentuale.

ROAS 2022 > 870%

ROAS 2021 > 1137%

Fattori che hanno influenzato la riduzione delle transazioni online:

  • Aumento dei costi Google Ads
  • Aumento del prezzo medio di vendita causato dall’aumento dei costi materia prima
  • Rincaro bollette e costo della vita che ha portato il consumatore finale a ponderare bene i propri acquisti
  • Scarsità del prodotto e conseguente allungamento dei tempi di spedizione

Cosa ci aspetta nel 2023?

Sicuramente gli E-commerce registreranno un leggero calo delle vendite dato dai fenomeni economici e politici esterni che influenzano negativamente la psicologia umana, dedita per indole al risparmio per spese impreviste.

Ma per far fronte a questa tendenza ci sono delle attività che nessun imprenditore dovrebbe trascurare:

  • Prestare massima attenzione alle schede prodotto del proprio Ecommerce, scriverle in ottica “Voice Search Seo”
  • Dare più importanza ai contenuti visivi personalizzati come foto e video del prodotto reale
  • Creare esperienze di navigazione incentrate sul cliente tipo, introducendo la realtà aumentata o virtuale
  • Essere presenti sui social mettendoci il volto per personificare sempre più il proprio brand
  • Incentivare l’ecosostenibilità nel packaging
  • Ottimizzare il proprio ecommerce da mobile
  • Creare campagne Google Ads “Customer Centric”, ossia focalizzate sulle ricerche degli utenti e non solo sul prodotto che si vuole vendere.

Vista l’importanza di supervisionare tutti i suddetti KPI (Key Performance Indicator) per anticipare le tendenze del mercato senza improvvisazioni che possono costare cari risultati, il miglior investimento da attuare è rivolgersi e affidarsi a professionisti del settore, che possano accompagnare l’azienda in un percorso di crescita analizzando tutti i costi e benefici derivanti dalle scelte del digital marketing.

CONTATTACI