local-marketing-socialware1-770x434-1

Come visualizzare le password salvate su Google Chrome?




In un mondo invaso da password di ogni tipo, orientarsi è davvero complicato. Frasi di sicurezza come “Qual è la città natale di tuo padre” o “Come si chiamava il tuo primo animale domestico” sembrano confondere solo le idee. C’è chi utilizza dei file in word o in text-edit, chi memorizza tutte le password sullo smartphone o chi fa ricorso alla vecchia e sempre affidabile agendina telefonica cartacea. E se tutto ciò non dovesse bastare, l’ormai familiare scritta “Hai dimenticato la password” può risolvere tutti i problemi.

Visualizzare password salvate su Chrome: il metodo più rapido

Se sei alla ricerca di un metodo rapido per visualizzare le password salvate su Chrome ecco la risposta che stavi cercando. Oggi infatti è possibile risalire a tutte le password salvate su Google Chrome in maniera rapida e semplice:

  1. Apri il browser Chrome
  2. Clicca nella barra di digitazione di Google Chrome
  3. Digita semplicemente “chrome://settings/passwords” e premi invio
  4. Seleziona la password che vuoi visualizzare e clicca sul pulsante blu “Mostra




Se da un lato questa azione può esserci davvero utile, d’altra parte, riapre l’annosa questione della privacy sul web. Infatti, qualsiasi persona abbia accesso al vostro computer potrà vedere in questo modo, le password senza necessità di ricorrere ad alcun trucchetto. Questa possibilità ad oggi è prevista solo sul browser di Google, mentre Safari, Firefox o Explorer mascherano sempre le password memorizzate.

La replica di Justin Schuh, capo del team che si occupa della sicurezza di Chrome non si è fatta attendere. Egli ritiene che, se qualcuno è in grado di accedere ad un Pc, qualsiasi tentativo di proteggere i dati in esso contenuti diventa quasi del tutto inutile, quindi Google preferisce non fornire agli utenti una “falsa sensazione di sicurezza”.

Ecco quindi il nostro consiglio: se ritenete prioritario rendere più veloce e semplice la vostra navigazione in rete e l’accesso a tutti i siti che quotidianamente visitate, e una integrazione quasi a 360° tra le applicazioni Google (con il login ai servizi google), allora Chrome è il browser che fa per voi! Se invece preferite mantenere il pieno controllo degli accessi sui singoli siti web, allora orientatevi su Safari, Firefox o Chrome.




Personaggi-siti-ecommerce

Come ottimizzare le conversioni di un ecommerce?

Nella gestione di un sito E-commerce è fondamentale lavorare costantemente all’ottimizzazione delle conversioni. Un progetto di E-commerce infatti non può mai dirsi concluso, ci sarà sempre qualche elemento grafico da modificare, un pulsante da spostare, un colore da cambiare, una sezione da migliorare o dei contenuti da aggiungere.

Ognuno di questi elementi però, deve essere trattato secondo una logica ben precisa che non può prescindere dallo studio dettagliato sul mercato target della vendita online del proprio sito.

Ecco perché suggeriamo sempre di attivare dei progetti costanti di ottimizzazione delle conversioni. Una delle tecniche più efficaci e più “redditizie” riguarda lo sviluppo dei personaggi.

I profili principali che consigliamo di considerare sono 4:

1- Personaggio logico, per natura scettico, autonomo e proteso alla risoluzione dei problemi

2- Personaggio impulsivo, concentrato sul presente, spontaneo, ottimista e propenso a prendere decisioni fuori dal coro

3- Personaggio altruista, affidabile e focalizzato sulle esperienze altrui e sulle transazioni più tradizionali

4- Personaggio aggressivo, si fida del proprio intuito, è ambizioso e deciso a concludere le cose

Definendo in modo corretto le caratteristiche di questi personaggi riuscirete a capire meglio i comportamenti di acquisto e proporre esperienze di navigazione più convincenti. Potrete così lavorare sul miglioramento dell’usabilità del vostro sito ecommerce, e in definitiva sull’ottimizzazione delle conversioni.

Ma andiamo con ordine..

Cosa sono i personaggi?

I personaggi sono “modelli” che umanizzano e individuano uno specifico mercato, coloro che dovrebbero guidare ogni singolo aspetto di un sito web (non solo e-commerce), dall’interfaccia grafica alla realizzazione dei contenuti. L’obiettivo è far si che ogni utente che atterra sul nostro sito si senta a proprio agio e sia predisposto a convertirsi in un cliente.

Consideriamo ad esempio un sito E-commerce che vende piscine e che si rivolge a 2 differenti segmenti di mercato

– Coppie giovani con un reddito familiare medio, fascia d’età che va da 30 a 40 anni
– Coppie adulte con figli, un reddito familiare alto, fascia d’età che va da 40 a 65 anni

Queste due categorie differiscono praticamente sotto ogni aspetto, e nonostante possano essere interessate entrambe alla stessa categoria di prodotti, i primi vorranno essere indirizzati magari su una piscina fuori terra, economica e richiudibile in inverno, mentre i secondi saranno alla ricerca di una piscina da interrare nella loro casa di campagna. Ma non solo! Dovremo anche “parlare” ai due differenti target di utenti con un linguaggio diverso, utilizzando elementi e una call to action appropriati e finalizzati alla conversione.

Ed è proprio in questo momento che entrano in gioco i nostri personaggi, Roberto un ragazzo di 34 anni di Reggio Emilia, appena sposato con Tania, ha da qualche mese ottenuto un contratto a tempo indeterminato in un’azienda che realizza software per imprese. Roberto è alla ricerca di una piscina da posizionare sul suo nuovo terrazzino. E’ un pratico utente della rete, prima di acquistare cerca le migliori offerte ma è disposto  ad acquistare subito nel momento in cui vede le sue esigenze risolte.

Mario, chirurgo di 65 anni di Roma, sposato con 3 figli dai 24 ai 32 anni, stanco delle kilometriche code estive per il mare, ha deciso di utilizzare parte del giardino della sua villa per metterci una bella piscina interrata da utilizzare per sè e i suoi amici e permettere ai figli di organizzare piccole feste serali. Mario è disposto a spendere di più a patto che non abbia problemi di spedizioni e abbia garanzie sul reso del prodotto nel caso in cui qualcosa non lo convinca.

Adesso che conosciamo i profili dei nostri personaggi, che ci accompagneranno a lungo nella gestione del nostro sito Ecommerce, diventa indispensabile creare dei percorsi diversi nel sito, come se fossero tanti siti in un unico sito, e dotarsi di ogni accorgimento per creare empatia con loro e convincerli che la nostra proposta è realmente la migliore sul mercato.

Solitamente, il numero ideale di personaggi da creare va dai 4 ai 7, a seconda della complessità del sito e dei prodotti/servizi venduti. In alcuni casi sarà necessario creare fino a 15-20 personaggi, nel caso di siti Ecommerce con tante categorie di prodotto diverse tra di loro.

Se siete interessati a saperne di più, continuate a seguirci, nei prossimi giorni approfondiremo l’argomento con dei post dedicati ai singoli personaggi!

Lasciateci il vostro feedback su Twitter:
@thesocialware su twitter Niente più bugie: Linkedin lancia Endorsements @Franceant su twitter Niente più bugie: Linkedin lancia Endorsements

Wordpress-o-Joomla-quale-scegliere1

WordPress o Joomla, Quale scegliere?

Fino a qualche anno fa per realizzare un sito web era necessario rivolgersi a Web Agency che (spesso) utilizzavano CMS poco performanti e soprattutto, difficilmente gestibili. Purtroppo ancora oggi, sono in molti a credere che questa sia l’unica soluzione. Al contrario invece, esistono molte alternative sicuramente più economiche e che permettono a chiunque di poter gestire con facilità il proprio sito. Il problema della gestione è fondamentale soprattutto per la gestione di siti Ecommerce, dove è necessario lavorare su ogni minimo dettaglio, pianificare strategie di web marketing e di usabilità del sito efficaci, al fine di renderli attraenti, affascinanti e che invoglino l’utente ad acquistare.

Oggi quindi, si possono realizzare siti web con poche risorse, ma nonostante ciò, bisogna avere le conoscenze necessarie per dare vita al proprio progetto e saper gestire le piattaforme. Le soluzioni migliori, e le più utilizzate sono sicuramente WordPress e Joomla, ognuno dei due CMS con le sue caratteristiche e peculiarità.

Differenze e vantaggi tra Word Press e Joomla

In principio si diceva che WordPress era più adatto per i blog mentre Joomla per costruire siti o portali più grandi. Oggi questa distinzione non esiste più, tanto che WordPress per molti è diventato il sistema più usato, seguito in questa classifica proprio da Joomla. Inoltre, grazie alle nuove funzionalità per la vendita online, oggi molti consulenti esperti di Ecommerce si sono del tutto convertiti a questa piattaforma. La differenza principale tra i due CMS risiede nel fatto che WordPress ha una struttura più flessibile e più snella nell’interfaccia, il che consente una maggiore personalizzazione, mentre Joomla da questo punto di vista ha una struttura più bloccata e rigida che lega ogni forma di contenuto in categorie e sezioni. Da queste prime considerazioni si potrebbe dire quindi che Word Press risulta più intuitivo e semplice da usare anche se un consiglio da dare è di provare entrambi i sistemi per vedere quale è quello più facile da usare secondo le proprie abilità.

WordPress vs Joomla, cosa ne pensano gli utenti?

La possibilità di scegliere WordPress o Joomla ha scatenato un vivace dibattito nel web tanto che si trovano parecchi post in Rete sulle differenze tra i due CMS e sulle varie opinioni di chi preferisce uno piuttosto che l’altro. In generale viene ribadito il concetto che WordPress è il sistema più utilizzato, usato anche dagli stilisti per le diverse accortezze grafiche mentre Joomla da alcuni è ritenuto obsoleto e passato di moda tanto che solo in Italia ha ancora tanto seguito. Sul web si parla anche dei problemi della poca comprensione di Joomla da parte dei clienti anche se prima di scegliere tra i due sistemi bisogna avere bene chiaro in testa quale utilizzo si debba fare del sito internet da costruire (un sito domestico avrà ovviamente meno attenzioni e doveri da parte del webmaster). Tuttavia il dibattito non ha portato ad una verità “assoluta” per cui come per tutti i dualismi che hanno percorso la storia d’Italia, anche per WordPress e Joomla una fine di questa diatriba non sembra ancora essere arrivata.

Il nostro punto di vista a questo riguardo è che una piattaforma come WordPress garantisce una gestione del sito più semplice e più intuitiva. Gli innumerevoli Plugin permettono di personalizzare ogni minimo dettaglio del sito, ottimizzarlo per la Seo e per la visibilità online, migliorarne la grafica e l’usabilità, e renderlo realmente unico.

Lasciatemi il vostro feedback su Twitter:
@thesocialware su twitter Niente più bugie: Linkedin lancia Endorsements @Franceant su twitter Niente più bugie: Linkedin lancia Endorsements

E-commerce. Shopping cart with cardboard boxes on laptop. 3d

Come rendere unico il vostro sito ecommerce?

Al giorno d’oggi esistono siti di ecommerce per ogni mercato e per ogni prodotto. Se credete che gli utenti sceglieranno di acquistare sul vostro sito solo in base al prodotto che vendete, molto probabilmente andrete incontro ad un fallimento. Oggi per convertire un utente in cliente, dovete offrirgli qualcosa in più, un elemento di valore che vi aiuti a differenziarvi dal resto della concorrenza.
Fate quindi un passo indietro e cercate di investire del tempo per capire cosa l’utente stia realmente acquistando da voi e, solo allora, progettate il vostro sito di ecommerce per comunicare in modo chiaro questo elemento di valore ai visitatori.
Ecco alcuni spunti che vi aiuteranno in questa riflessione:

1- Specializzatevi

Non tutti gli ecommerce possono diventare i futuri Amazon o eBay. Non solo perché posizionare sui motori di ricerca un sito web multi prodotto è molto complesso, ma anche perché si renderebbe necessaria una struttura più corposa per poter gestire e comunicare in maniera adeguata tutti i prodotti. Optate quindi per un ecommerce specializzato in una sola categoria di prodotti e create intorno a quella categoria una vera e propria strategia (che comprenda un blog specializzato e degli strumenti per offrire assistenza o dare consigli)

2- Create una community

Il semplice fatto di dovervi “occupare” solo di una categoria di prodotti renderà più facile la creazione di una community sul web. Fate rete con dei siti partner, e utilizzate i Social media per raggiungere gli utenti. Se riuscite nell’intento di creare una community (anche piccola), potete stare certi che i clienti torneranno spesso ad acquistare sul vostro ecommerce, e saranno il vostro principale strumento di marketing.

3- Offrite supporto ai clienti

Un’opinione negativa può ledere tantissimo alla web reputation di un sito di ecommerce, perchè a differenza di un feedback positivo, rimane molto più impressa agli utenti indecisi se affidare a voi i loro dati della carta di credito. Siate certi di essere presenti e puntuali su tutti i possibili canali che i clienti utilizzeranno per chiedervi aiuto.

4- Ok il prezzo è giusto

Non dimenticate però che potete avere gli strumenti più efficaci di post vendita o una delle community migliori del web, ma se il prezzo dei vostri prodotti non è competitivo difficilmente gli utenti del vostro ecommerce si convertiranno in clienti. Se non siete sicuri al 100% di avere dei prezzi competitivi evitate di cimentarvi in un business complesso come quello della vendita online e della gestione di un sito ecommerce. Se al contrario siete sicuri di poter competere, non esitate ad inserire i vostri prodotti sui principali comparatori di prezzo presenti sul web.

5- Realizzate un sito perfetto

Curate ogni singolo aspetto del vostro sito e ottimizzate anche la più remota pagina web. L’attività Seo per un sito di ecommerce è fondamentale, grande o piccolo che sia. Crate titoli e descrizioni personalizzate per ogni prodotto e per ogni categoria, organizzate la vostra struttura di link (interni ed esterni), ottimizzate le immagini (anch’esse con titoli e descrizioni), e impostate la comunicazione dei prodotti in base al vostro target di utenti.

6- Utilizzate Google Webmaster tool

Lo strumento per i webmaster di Google vi sarà di grandissimo aiuto per verificare se il vostro sito di ecommerce guadagna visibilità sui motori di ricerca, se la sitemap sta funzionando a dovere, o semplicemente per verificare come google visualizza le pagine del vostro sito.
Lasciatemi il vostro feedback su Twitter!
 

Socialware-Italy-SEO-770x281-1

E-commerce e strategie di web marketing di successo

Parlando di visibilità online e della necessità di un piano di Web marketing ben strutturato oggi vi presentiamo una nuova Case History che riguarda un sito di e-commerce.

Vogliamo dimostrarvi quanto sia importante la fase del disegno strategico per ottenere il successo nella propria attività sul web.

Gli investimenti sul web sono spesso visti come un “di più”, relegati al fondo del budget stanziato per attività commerciali o di marketing, soprattutto per le piccole e medie aziende, che in realtà sono proprio quelle che ne avrebbero più bisogno. Noi web marketer paghiamo la diffidenza degli imprenditori e la “giovane età” del settore. I social media, grazie all’enorme rumore di Facebook e Twitter ci hanno dato una mano, ma spesso, questo non è sufficiente.

Diventa quindi fondamentale lavorare con i risultati, perchè per un imprenditore i numeri sono il vangelo.

Il sito di ecommerce in questione, come si evince dal grafico sottostante, nel bimestre Aprile-Giugno 2011 poteva contare su un volume di visitatori non indifferente (9712 nuovi utenti + 2650 utenti di ritorno). Se a questo elemento aggiungiamo una  buona strategia commerciale, il gioco è fatto e il business va!

Fortunatamente, la lungimiranza e l’intelligenza di alcuni imprenditori porta spesso a intravedere opportunità che possono far crescere il proprio business nonostante i riultati (fino a quel momento) positivi.

Il lavoro fatto per la gestione dell’e-commerce in oggetto ha riguardato e riguarda l’intera strategia di web marketing e i risultati sono stati più che soddisfacenti (4779 visitatori in più nell’arco di 6 mesi). Vogliamo condividere con voi la strategia adottata, e offrirvi (speriamo) preziosi consigli:

Pianificazione di una strategia per la gestione del sito Ecommerce

Scegliamo i canali e gli strumenti più idonei, analizziamo i nostri principali concorrenti. Facciamo un’analisi delle keyword che utilizzeremo sul sito, e iniziamo a familiarizzare con tutti questi elementi.

Sensibilizzazione

Un’attività spesso sottovalutata riguarda la sensibilizzazione dei nostri interlocutori. La comunicazione online passa anche da qui. Il nostro obiettivo deve essere quello di guadagnare la fiducia del cliente perchè spesso dovremo portarlo a fare scelte nuove e impensabili fino a qualche tempo fa. Questo processo deve essere il risultato di una sorta di fase di formazione del team aziendale. Il consiglio è quello di investire del tempo su questo aspetto e fare qualche visita in più nella sede del nostro cliente. Il ROI è assicurato!

Attività SEO per siti Ecommerce

Indicizzare le pagine del sito è uno degli aspetti più importanti per aumentare le visite e indirizzare ogni pagina del sito al target desiderato. L’errore più comune che si fa in questi casi è quello di utilizzare le stesse keyword, descrizioni o addirittura titoli per i prodotti appartenenti alle singole categorie. Creiamoci una strategia adeguata per cercare di automatizzare questo lavoro… sarà utilissima soprattutto per i siti con centinaia di pagine.

Campagne adwords e Pay per click

Stanziare un piccolo budget da investire per campagne SEM è importante per alimentare la strategia SEO messa in atto. Il consiglio è scegliere periodi cruciali come il periodo natalizio o quello pre-estivo, momenti in cui l’utente è meglio predisposto a recepire annunci pubblicitari e di consegunza a convertire la propria visita all’obiettivo preposto.

Social media marketing

Andiamo per gradi. I social media sono uno strumento di comunicazione online e commerciale potentissimo, ma se utilizzati male i risultati (negativi) si ritorceranno contro di noi e a farne le spese sarà la web reputation dell’intera azienda. Gestire account sui social media richiede molto tempo. Il tempo è una risorsa, e come tale se vogliamo esternalizzarla si trasforma in un costo. Aprirsi al mondo dei social network significa studiare una strategia di social media marketing e dedicare risorse umane per metterla in atto. Gli investimenti in questi casi devono essere almeno su base biennale, quindi prima di intervenire assicuriamoci di aver completato con successo gli step precedenti, e di godere della piena fiducia del nostro cliente, perchè l’investimento in questa fase sarà più rilevante.

Parliamone su Twitter! @Thesocialware @Franceant

The question What's Your Online Marketing Strategy with words on a website screen stressing the importance of an effective plan to run your business online and achieve growth and success

Ottimizzare siti di Ecommerce con osCommerce

L’ottimizzazione di un sito è un’attività fondamentale per dare maggiore visibilità online alla vostra azienda e migliorare così la vostra presenza sul web. Tutto ciò diventa ancor più importante se siete un E-commerce e se quindi, il posizionamento sui motori di ricerca è il fattore chiave per il successo nelle vendite del vostro sito.
Parlando di osCommerce, Iniziamo dicendo che gli strumenti necessari per realizzare un’attività di ottimizzazione efficace sono:

  1. Un Web Master
  2. Qualcuno che vi fornisca Consulenza Seo per siti di ecommerce

Os Commerce infatti, nonostante sia un sitema abbastanza aperto necessita di alcuni interventi a livello di programmazione che presuppongono un minimo di conoscenza di php.

Per iniziare suggerisco di installare alcune estensioni fondamentali, la base per poter avviare un’attività seo sul vostro sito.
Partiamo dal presupposto che abbiate già la vostra bella Google Sitemap caricata sul sito. Evito di dilungarmi sull’importanza in ottica Seo di una Sitemap sempre aggiornata.
La seconda estensione è Ultimate Seo url che ci permetterà di rendere “umana” la stringa url dei prodotti e ci darà la possibilità di utilizzarla per l’attività di ottimizzazione inserendo le keyword più importanti.

La terza estensione che vi suggerisco è volta ad evitare i contenuti duplicati che i motori di ricerca vedranno come pagine uguali, e, di conseguenza ne sceglieranno solo uno (a discrezione). Il risultato è che potremmo ritrovarci a spingere alcune pagine e alcuni contenuti importanti che al contrario gli spider non rileveranno.

Entrando più nel merito della questione, il lavoro più importante quando parliamo di siti di Ecommerce, è quello di intervenire sulle singole inserzioni, cercando di offrire contenuti di valore, realmente descrittivi e sempre diversi tra loro. Quindi il primo passo che dobbiamo considerare, e sicuramente il più rilevante, è quello della redazione dei contenuti. Ogni articolo deve avere una descrizione ad hoc.

Per quanto riguarda invece i <tag> consideriamo in ordine d’importanza i seguenti tag:

  1. 1- Title: è sicuramente il più importante di tutti. In ottica utente è il primo elemento che appare sui motori di ricerca, quindi quello che dovrebbe invogliare ad approfondire la lettura della Description e quindi cliccare sul nostro risultato. Deve contenere la Keyword più importante ma non deve essere un copia e incolla. Rendiamola più creativa. In OsCommerce, il title viene definito dalla variabile “TITLE” nei file di lingua (includes/languages/*.php). Questo non è, però, quel di cui abbiamo bisogno. Dobbiamo personalizzare il title in modo che ogni pagina abbia il suo, e quindi modificare i file php sulla root della nostra installazione. Per questo dovrete necessariamente ricorrere al vostro web master di fiducia.
  2. 2- Description: è meno importante di Title ma sicuramente non va tralasciato. È l’elemento che deve invogliare l’utente a cliccare sul nostro risultato. È quindi essenziale che sia una frase di senso compiuto e che in qualche modo inviti all’azione. Come nel precedente step, anche per la description è importante che ogni prodotto abbia la sua descrizione personale. Il nostro web master dovrà quindi apportare una semplice modifica al file “product_info.php”.
  3. 3- IMG Alt: ottimizzare le immagini delle inserzioni è importante ma non fondamentale, soprattutto se si considera che Os commerce permette la pubblicazione di una sola foto per inserzione e quindi spesso si fa ricorso ad alcuni flash piuttosto che ad immagini in jpeg o simili.

Un altro elemento importante, spesso sottovalutato è rappresentato dalla sezione Faq e dal glossario. Una sezione del genere infatti è “User friendly” cioè viene incontro alle esigenze degli utenti che sono spesso alla ricerca di informazioni pratiche per i propri acquisti sul sito (es. metodi di pagamento; tempi di spedizione; gestione dei cambi; ecc), o semplicemente informazioni su alcuni prodotti specifici. Inoltre è “Robot friendly”, cioè agevola il lavoro degli spider di ricerca. Come sappiamo, infatti, un sito con contenuti sempre aggiornati è visto di buon occhio dai motori di ricerca, quindi una sezione faq aggiornata, oltre a migliorare l’esperienza degli utenti sul sito, favorirà il lavoro dei principali motori di ricerca.

Seguendo questi piccoli passi potrete iniziare ad ottenere dei risultati di visibilità del vostro sito web e sarete pronti per passare al livello successivo! Ma ricordate sempre, il mantra di tutti i Seo del mondo: Content is the King. Pensate innanzitutto a realizzare un sito con dei contenuti creati per gli utenti, non per i motori di ricerca. Il resto verrà da sé!

gestione-ecommerce-10-consigli-img-1

Gestione E-commerce: 10 consigli per creare un sito Ecommerce di successo

Gestione Ecommerce: come farlo al meglio in 10 passi

I segreti di Socialware su come creare un ecommerce di successo

Gestire siti ecommerce di successo oggi è una sfida: servono competenze trasversali (marketing; SEO; web analytics; creazione di contenuti…), e tante risorse (tempo e budget). Purtroppo, molte aziende che oggi decidono di aprirsi a questo mondo, pensano che sia un’attività economica e dai facili guadagni. Ma non è così: infatti gestire un ecommerce di successo non è così facile come si pensa.

Qui di seguito vi propongo 10 suggerimenti che potranno aiutarvi a ottimizzare la gestione del vostro sito Ecommerce.

1- Ottimizzazione SEO: Heading, Tag Title, Tag H1 e H2

Ecco alcune imprescindibili informazioni sulla seo per ecommerce da non dimenticare

Molte aziende inseriscono troppe informazioni nell’intestazione del proprio sito, facendosi prendere dalla voglia di comunicare tutto e subito. E’ invece testato che intestazioni pulite funzionano meglio.

Tenete sempre a mente, inoltre, che tag title, h1 e h2 sono le posizioni dove inserire le keyword più importanti, per permettere ai motori di ricerca di individuare velocemente il tema che state affrontando, o il prodotto/servizio che state proponendo sul vostro ecommerce.

2- Motore di ricerca interno al sito e commerce

Valorizza ed evidenzia il pulsante “cerca nel sito”

Nella maggior parte dei siti web circa il 20% degli utenti utilizza il pulsante “cerca nel sito” per trovare immediatamente le notizie di cui ha bisogno. Questa percentuale aumenta addirittura al 40% quando si parla di siti di E-commerce. Gli utenti, soprattutto quelli di ritorno sul vostro sito, si affidano al motore di ricerca interno al sito per trovare i vostri prodotti. Rendete quindi ben visibile il box di ricerca sulla home page e su tutte le altre pagine del vostro Ecommerce.

3- Test di navigazione e usabilità siti Ecommerce

Testa, verifica e migliora l’usabilità e la velocità del tuo sito web

Il lavoro su un sito di Ecommerce non può mai dirsi concluso. Prendete la sana abitudine di fare dei test di usabilità e navigazione con frequenza (consiglio mensile). Create le 4 categorie principali di personaggi per il vostro sito: logicoimpulsivoaltruista e aggressivoIndividuate persone/conoscenti/amici che rispecchino quelle caratteristiche e fatevi guidare nel miglioramento dell’usabilità del vostro e-commerce. Il design di siti Ecommerce di successo deve essere concreto, diretto e pulito nella grafica. I contenuti devono essere facilmente fruibili dagli utenti e la navigabilità deve essere ottimizzata, in modo da permettere ai visitatori di muoversi con disinvoltura tra le pagine. Inoltre, un altro aspetto fondamentale dell’usabilità riguarda la velocità di caricamento delle pagine principali (home page e pagine di categoria) che dovrebbero caricarsi completamente in meno di tre secondi.

4- Valorizza le immagini per il tuo negozio online

Non solo belle e coinvolgenti, ma impara a ottimizzare le immagini per la SEO

Oggi le immagini hanno una grandissima importanza all’interno dei siti e sui siti di Ecommerce spesso fanno la differenza, incrementando o diminuendo il tasso di conversione. Molto spesso gli utenti osservano l’immagine principale che compare sulla pagina di destinazione e questa immagine può essere determinante nella decisione del visitatore se fermarsi sul sito o andarsene. Gestire un sito Ecommerce quindi, significa anche avere una buona gestione delle immagini. Se utilizzate Ecommerce open source scegliete dei moduli/plugin che vi permettano di ottimizzare le immagini al meglio.

5- Testimonianze e recensioni: linfa vitale per il tuo sito

Evidenzia recensioni e testimonianze per creare un ecommerce di successo

Uno degli elementi decisivi in ottica conversioni sono le recensioni del tuo ecommerce, le testimonianze e ogni altro aspetto che possa avere una riprova sociale per il vostro target di utenti. Fate di tutto per rassicurare le persone che visitano il vostro sito di Ecommerce che siete affidabili e che la gente si fida di voi. Rendete ben visibili in home page e sulle pagine prodotto, il classico Like box di Facebook, e le recensioni dei vostri clienti.

Ma soprattutto cercate di ottenere recensioni sempre nuove per aumentare l’affidabilità del vostro progetto online!

gestire-un-ecommerce

6- L’importanza del primo Scroll per un ecommerce

Raggruppa le informazioni più importanti già nella prima schermata del tuo sito

Progettate il layout della vostra pagina in modo tale che le informazioni e gli elementi più importanti siano immediatamente visibili nel momento in cui gli utenti atterrino sul vostro sito, senza necessità di fare “scroll” con il mouse. Ricordate che molti utenti vi concedono solo pochi secondi prima di decidere se continuare a navigare o abbandonare il vostro sito.

7- Elementi di valore e informazioni essenziali

Informazioni sulle spedizioni, reso e rimborso del tuo e commerce

Reso gratuito, soddisfatti o rimborsati, ed elementi di questo tipo possono fare la differenza nella decisione di acquisto di un utente. Accertatevi che i visitatori del vostro sito possano vedere e capire facilmente le vostre politiche di garanzia di soddisfazione.

8- Privacy e trattamento dei dati 

Tenete a cuore la privay dei vostri utenti per una ottima gestione ecommerce

Rassicurate i vostri clienti sul fatto che avete a cuore la loro privacy. Rendete visibile il link sulla normativa per la privacy e ove possibile linkatelo all’interno di altre pagine

9- Call to action: spingi gli utenti a compiere un’azione sul tuo sito 

Gli strumenti di interazione con i clienti come chiave per un sito e commerce di successo

L’invito all’azione deve essere molto visibile e chiaro sul vostro sito ecommerce. Il vostro tasto “Registrati”, “Acquista” o “Inserisci nel carrello”, deve essere facilmente individuabile e permettere un’interazione immediata.

10- Visuale del visitatore

I contenuti visual aiutano il vostro sito ecommerce a catturare l’attenzione degli utenti   

Mantenete gli elementi più importanti al centro della linea visiva dell’utente. Non consentite agli elementi dei riquadri laterali di distogliere l’attenzione dal punto focale. Ritroverete questo modus operandi in tutti i siti ecommerce di successo.

• Altri dubbi sulla gestione del tuo e commerce? Scopri il mio libro “E-commerce, Marketing e Vendite”.